CAMeC
Centro di Arte Moderna e Contemporanea

Il CAMeC, Centro d’Arte Moderna e Contemporanea, inaugurato nel maggio 2004, nasce per conservare e la valorizzare i considerevoli fondi artistici provenienti dalle edizioni del Premio del Golfo, ideato nel 1933 da Filippo Tommaso Martinetti e Fillia, e dalle donazioni Cozzani e Battolini; nonché come centro di propulsione per eventi artistici contemporanei di livello internazionale.

Il CAMeC, oltre ad ospitare convegni, dibattiti e seminari, possiede un Dipartimento Didattico che propone attività di educazione all’arte, rivolta sia alle istituzioni scolastiche, sia al pubblico generico. 

Unico caso fra i musei cittadini, organizza percorsi e laboratori di arte-terapia. Un Bookshop fornito e specializzato dispone della principale pubblicistica dedicata all’arte contemporanea italiana e internazionale. 

L’attività del CAMeC si svolge in modo continuativo per tutta la durata dell’anno, esponendo a rotazione le raccolte civiche, costituite da oltre duemila opere, e realizzando mostre temporanee con progetti di approfondimento in diversi ambiti della produzione attuale o del contemporaneo storico.

CAMeC

Collezione Cozzani

Nel 1998 Giorgio Cozzani dona alla sua città una cospicua raccolta di opere d’arte, frutto di cinquant’anni di appassionata ricerca e frequentazione della produzione contemporanea internazionale. Collezione singolare, caratterizzata dall’assenza di evidenti passioni e vincolanti predilezioni, ma piuttosto sostenuta da un’aperta e lungimirante curiosità, dall’esigenza di aggiornamento costante e di registrazione puntuale. Ne è sortita infine una congerie vastissima: circa milleduecento opere, fra sculture, dipinti, grafica, fotografia ed esiti ‘altri’ delle arti visive. Avanguardie, movimenti, famose coalizioni ed appartati outsider: tentando di tracciare un elenco in ordine cronologico, incontriamo, oltre a una limitata digressione ottocentesca, l’Espressionismo, il Secondo Futurismo, il Cavaliere Azzurro, Bauhaus, la Metafisica, il Surrealismo, il Realismo, l’Astrattismo nelle sue molteplici declinazioni (dall’Astrattismo Classico, Concreto e Neoconcreto, a quello lirico degli “Otto” e affini), l’Informale internazionale, lo Spazialismo, i “Cobra”, gli “Spur”, la Pop Art internazionale, il Nouveau Réalisme, l’Arte Cinetica, Optical, Minimal, Concettuale, Land, Povera, Body, infine Fluxus, la Transavanguardia, il Graffitismo.

Raccolta Premio del Golfo

Al 1933 risale la nascita del Premio Nazionale di Pittura intitolato al “Golfo della Spezia”. L’ideazione e l’organizzazione della rassegna-concorso si devono a Filippo Tommaso Marinetti e Fillia. Una vivace adunata di numerosi artisti, futuristi di seconda generazione e non, anima quella memorabile estate e sigla l’interesse spezzino per l’arte contemporanea. A questo precedente storico guarda la ripresa della manifestazione che con lo stesso titolo si articola dal 1949 al 1965 e viene ripristinata dal 2000 al 2006 con cadenza biennale.

Distintiva la formula del premio-acquisto, che consegna alla città circa 250 opere, nucleo originario della raccolta permanente ospitata dal CAMeC. Grazie all’autorevolissima veste critica il Premio ha registrato e raccolto la complessa vicenda ed i più significativi esiti della produzione italiana e, dal 2000, internazionale (fra gli altri nomi ricordiamo Accardi, Attardi, Birolli, Cassinari, Guttuso, Martin, Moreni, Morlotti, Pintaldi, Pizzinato, Prampolini, Reggiani, Santomaso, Scanavino, Sironi, Sughi, Turcato, Vedova, Zwackman).

Collezione Battolini

Ultima in ordine cronologico fra le donazioni al Comune della Spezia, la collezione di Ferruccio e Anna Maria Battolini documenta sessant’anni di attività nel mondo dell’arte e della “critica militante”.

Critico, scrittore, autore di epigrafi, bibliofilo appassionato ben oltre i confini del suo ruolo di dirigente nel settore delle biblioteche, promotore di eventi culturali, organizzatore di mostre, Ferruccio Battolini ha storicizzato la seconda metà del ‘900 artistico spezzino. La sua collezione si è formata grazie agli incontri, alle conoscenze e all’esperienza di una vita passata in mezzo agli artisti, come testimoniano le numerose dediche. Diversi e molteplici gli apporti, da alcuni dei protagonisti delle edizioni storiche del Premio del Golfo, allo spezzino Gruppo dei Sette, ad alcuni fra gli artisti più rappresentativi del panorama artistico italiano del dopoguerra, come Guttuso, Spinosa, Montarsolo, Nespolo. Opere dei maestri della generazione degli inizi del ‘900, di quella di mezzo e di artisti più recenti, fino alle promesse attuali, documentano storicamente le origini della tradizione artistica cittadina.

Informazioni :

CAMeC Centro di Arte Moderna e Contemporanea
piazza Cesare Battisti 1
Tel. 0187-734593
Lunedì chiuso Martedì – Domenica dalle 11.00 alle 18.00

I prossimi eventi :